COME LA FECONDAZIONE IN VITRO AIUTA A DIVENTARE GENITORI

  • Patrizia Pellizzari

LA FECONDAZIONE IN VITRO O FIVET

Spesso mi contattano persone che hanno difficoltà a procreare. Ritengo importante rassicurare tutti perché diventare genitori oggi si può anche in caso di tube chiuse o malfunzionanti, alterazioni del seme, problemi ovarici, endometriosi e  anche per chi ha  lunghi periodi di infertilità ed una età avanzata.

Questo grazie ad un trattamento medico sicuro. Si tratta di una procedura in cui viene indotta una superovulazione grazie all’impiego di ormoni che il nostro corpo già conosce. In pratica si può spiegare così: si mira ad ottenere la maturazione di più ovuli che vengono quindi prelevati e messi in coltura con gli spermatozoi del partner. 

Lo sviluppo embrionale avviene in un incubatore strettamente monitorato e successivamente si effettua il trasferimento dell’embrione in utero. Dopo quindici giorni si valuta se è avvenuto l’impianto e si è quindi ottenuta la gravidanza.

E' un metodo sicuro, validato a livello internazionale. Vi chiederete quali siano le percentuali di successo. Ebbene dipendono dall’età della coppia, dalla lunghezza del periodo di infertilità , dalla qualità degli ovuli e degli spermatozoi, dalla personalizzazione della terapia e dalla qualità del centro a cui ci si affida. Secondo i dati scientifici più recenti le percentuali di gravidanza oscillano dal 30 al 60% mentre un trattamento più semplice come la inseminazione intrauterina (IUI) ha una percentuale di successo del 10-20%. 

L'efficienza della procedura è maggiore nel caso si tratti di una coppia in buono stato di salute con peso giusto, che non fuma, non beve alcolici e segue una sana attività fisica.

Purtroppo è necessario che vi ricordi il fatto che il 12% dell’infertilità dipende da alterazioni in eccesso o in difetto del peso. Non siate quindi troppo magre perché in tal caso avreste una minore percentuale di gravidanza e in caso di gravidanza svilupperete più facilmente complicanze come il ritardo di crescita fetale.

A chi, come voi, tramite il mio blog, me lo chiede ricordo che se siete troppo magre dovete cercare di guadagnare qualche chilo in più. Analogamente il sovrappeso influisce negativamente sulla qualità degli ovuli/spermatozoi ed aumenta le percentuali di complicanze ostetriche, come la gestosi e il diabete gestazionale.

Pertanto lo so che il cruccio di avere timore di non diventare genitori può portare ad ansie e ad una alimentazione scorretta, però mi raccomando, se davvero volete diventare genitori, la prima cosa da fare è volersi bene, avere una dieta equilibrata. Inoltre si possono aumentare le percentuali di successo non solo raggiungendo un peso forma (indice di massa corporeo consigliabile compreso fra 19 e 26), ma anche migliorare la qualità della dieta, evitando il consumo di alcool, riducendo il consumo di caffeina.

Non aspettate a rivolgervi subito ad uno specialista. Inutile attendere ancora quando ad esempio, dopo sei mesi di tentativi dopo i 35 anni, oppure dopo un anno prima dei 35 anni, non si riesce a rimanere incinte. Non abbiate timore. Gli specialisti ginecologi, come me, possono aiutarvi sempre, anche nel caso ci siano già dei problemi noti a carico dell’apparato riproduttivo.

Contattatemi quindi senza esitare, sarò al vostro fianco. 

Per info:

www.patriziapellizzari.it

Padova - via Stefano Badoer n.5  tel. 349625077

Vicenza: presso Casa di Cura Villa Berica. tel. 0444-219200

Utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza utente e per studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.